Nasce a Formia nel 1970.
Dopo gli studi superiori si trasferisce a Roma.
Nel 1992 si iscrive all’Istituto Superiore di Fotografia dove si diploma nel 1995.
Dal 1994 fino al 2001 lavora come assistente nella scuola, facendo esperienza diretta con fotografi professionisti.
Nel 1996 vince il concorso indetto dal comune di Roma “Enzimi di Primavera” con un lavoro su Ponte S. Angelo.
Partecipa alla “Biennale dei Giovani Artisti d’Europa e del Mediterraneo” a Torino nel 1997 e ad Helsinky.
Nello stesso anno è chiamata insieme ad altri artisti a realizzare un reportage sulle risaie del vercellese.
Partecipa alla mostra collettiva “ Terre d’acqua “ a Vercelli nel 1997.
Nell’autunno del 1997 è a Sarajevo per un workshop di arti visive.
Realizza il lavoro “Il Silenzio dei Balcani” che verrà esposto alla “Biennale dei giovani Artisti d’Europa e del Mediterraneo” a Roma nel 1999.
Nel 2001 trascorre un mese in India per ritrarre i bambini per le adozioni a distanza del progetto Fides.
Nel 2002 comincia a collaborare con il GAL, ente laziale che si occupa di promuovere l’ambiente ed il turismo, nonché promuovere le piccole imprese nella Val di Comino. Realizza per loro vari reportage da cui nasceranno due pubblicazioni: “I Dialetti della Val di Comino” e “La Terra dei Talenti”.
Nel gennaio 2003 è chiamata ad insegnare tecnica di camera oscura nella Scuola Romana di Fotografia.
Ha dedicato gli ultimi dieci anni ad approfondire le tecniche della stampa Fine Art in bianco e nero che hanno personalizzato la sua ricerca artistica quasi esclusivamente rivolta alla fotografia di ritratto.
Attualmente vive e lavora a Roma.

 

 

All images © Antonella D'Onorio De Meo. All rights reserved